pedibus gif

Il termine indica una inconsueta forma di trasporto scolastico per gli alunni della Scuola Primaria e della Secondaria di 1° grado: andare a scuola e tornare a casa a piedi, in gruppo, in modo organizzato, accompagnati da adulti volontari.

Si tratta dunque di una mobilità alternativa con fermate predefinite e segnalate da appositi cartelli, proprio come avviene per gli autobus. Obiettivi prioritari di questa iniziativa:
1) educazione ambientale: incentivare bambini e famiglie a rispettare l’ambiente riducendo l’uso dei trasporti privati (auto) e pubblici (scuolabus);
2) educazione civica: indurre i bambini ad acquisire maggiore autonomia personale e, nello stesso tempo, incrementare il loro senso di appartenenza alla comunità.               

Per realizzare tutto questo, l’Amministrazione Comunale si è rivolta all’indirizzo Grafica del Liceo Artistico dell’IIS Pascal.

Agli studenti delle classi 4^ è stato chiesto di progettare sia la segnaletica indicante i punti di raccolta del Pedibus ed il tragitto sino a scuola, sia un manifesto/totem per comunicare le finalità di questo servizio e promuoverne l’utilizzo da parte di bambini e genitori.

Nell’ambito delle attività di Alternanza Scuola-Lavoro (ora PCTO) dell’anno scolastico 2017/18 e con la supervisione dei proff. di grafica Elena Benati e Claudio Marrone, i ragazzi, suddivisi in team project, hanno compiuto sopralluoghi sul campo, scattato foto, elaborato e sviluppato diverse idee progettuali da sottoporre alla valutazione dell’Ente committente.

Nell’aprile 2019 finalmente arriva il verdetto: il progetto da realizzare porta la firma di Alessia Canovi e Silvia Croci! L’idea base della loro elaborazione grafica ricorda il simbolo stilizzato di localizzazione di google maps che diventa nello stesso tempo un piede.

 foto1 pedibus  foto2 pedibus  foto3 pedibus  foto8 pedibus
 foto5 pedibus  foto5 pedibus  foto7 pedibus  foto8 pedibus

Grande è ovviamente la soddisfazione delle due studentesse, ma ancora maggiore sarà la soddisfazione da loro provata nel corso dell’implementazione del progetto.

Alessia e Silvia sono infatti chiamate a seguire passo a passo la realizzazione della segnaletica: con loro si prendono le decisioni per risolvere i problemi che immancabilmente nascono durante i lavori, a loro vengono sottoposte eventuali modifiche da apportare ed il loro parere è tenuto in grande considerazione.

Spesso si accusa la scuola di astrattezza, di nozionismo, ma sicuramente il Comune di Albinea ha offerto una grande opportunità alle due studentesse: ha permesso loro di “passare dalla carta alla realtà”, di eseguire il lavoro in concreto seguendo gli step strutturati nella fase di progettazione e validati nella fase di realizzazione… in sintesi, Alessia e Silvia hanno sperimentato cosa significhi effettivamente essere un project manager!